{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Educazione

Z Lab, favorire l'orientamento dei ragazzi

Z Lab è la risposta strategica di Intesa Sanpaolo per la lotta alla dispersione e all’insuccesso formativo degli studenti e per il contrasto al disagio giovanile promuovendo orientamento, occupabilità, inclusione sociale e dialogo interculturale.

Z Lab è il nostro percorso per le competenze trasversali e l’orientamento dedicato alle ragazze e ai ragazzi delle scuole superiori.
Per noi accompagnare i ragazzi nel processo di orientamento scolastico-professionale è un impegno ineludibile. Sin dal 2016 abbiamo compreso il ruolo strategico e centrale dell’orientamento nella lotta alla dispersione e a all’insuccesso formativo. E siamo ben consapevoli che queste problematiche hanno ricadute negative sul sistema scolastico e sulle storie personali dei ragazzi in termini formativi, lavorativi e sociali. 
In Italia, c’è ancora molto da fare per rendere l’orientamento scolastico più efficace.

Quasi metà dei ragazzi italiani che si sono diplomati l’anno scolastico 2018 -19 (44,7%) è convinta di aver «sbagliato scuola». Uno su tre (il 32,6%) potendo tornare indietro sceglierebbe un indirizzo di studi diverso; mentre un altro 12,1% ripeterebbe lo stesso corso, ma in una scuola differente per studiare altre materie o per prepararsi meglio al mondo del lavoro.
Il 65% sceglie su indicazione dei genitori, mentre il 42% dà peso ai giudizi orientativi espressi dai docenti.
Fonte Alma Diploma – gennaio 2020

I ragazzi della Generazione Z si troveranno a competere in un mondo del lavoro che richiederà profili professionali prevalentemente legati all’information technology ma anche capaci di agire le cosiddette soft skills: dal muoversi in gruppo alla capacità di parlare in pubblico o di risolvere problemi. Fonti autorevoli già disegnano le caratteristiche dei profili lavorativi ricercati nel futuro prossimo.  

Entro il  2022, cambierà il 42% delle competenze fondamentali necessarie per svolgere i posti di lavoro esistenti, e saranno creati 133 milioni di nuovi posti di lavoro nelle principali economie per soddisfare le richieste della Digital transformation.
Ai futuri lavoratori – I ragazzi della generazione Z - oltre alle competenze ad alta tecnologia, saranno
richieste competenze interpersonali specializzate.
Fonte World Economic Forum – gennaio 2020

Per tutti questi motivi abbiamo scelto di essere parte attiva del sistema integrato di orientamento a fianco delle famiglie, delle istituzioni del territorio, delle scuole, delle università.
Il percorso Z Lab è fortemente impostato sull’orientamento e sullo sviluppo delle soft skill necessarie per l’inserimento nel mondo universitario o del lavoro.
Nel triennio Z Lab punta a valorizzare le potenzialità dei ragazzi, in modo che diventino protagonisti delle loro scelte. La didattica esperienziale di Z Lab propone sperimentazioni concrete di idee improntate alla curiosità, alla creatività e alla unicità dove i ragazzi mettono in campo il proprio bagaglio di conoscenze, la consolidata dimestichezza con il mondo digitale e si esercitano nell’agire le competenze interpersonali. È un percorso che lascia spazio alla ricerca personale e alla sperimentazione e che consente agli studenti di “mettere le mani in pasta” e anche di sbagliare per imparare. Questo mix di abilità ha peculiarità uniche per ciascuno degli studenti e farà la differenza nel tempo.
Secondo diverse ricerche fare la differenza è ambizione molto diffusa nelle ragazze e nei ragazzi delle nuove generazioni, per farla davvero hanno bisogno di adottare la mentalità di essere imprenditori di sé stessi e essere capaci di migliorarsi continuamente.
A tutto questo alleniamo con Z Lab!

 

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"}]}