{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Educazione

Giovani e innovazione: le leve del futuro

Un Paese ha un futuro se i suoi giovani riescono a vederne la prospettiva e si impegnano per costruirlo. Noi vogliamo contribuire a tracciare le visioni e le prospettive costruendo opportunità che rendono concreto e percorribile l’impegno dei giovani.

Occupazione, crescita e innovazione sono fortemente legate alla nascita di nuove imprese

Una delle principali emergenze del Sud è la fuga dei giovani. Negli ultimi quindici anni, oltre 600mila giovani e 240mila laureati hanno lasciato il Mezzogiorno: una fuga di competenze e di energie che il nostro paese non può permettersi. Ora più che mai abbiamo bisogno di nuove opportunità di occupazione, di crescita e di innovazione del sistema produttivo per trattenere i giovani nei territori di origine.

Noi siamo certi che occupazione, crescita e innovazione siano fortemente legate alla nascita di nuove imprese. Per questo riteniamo indispensabile dare forma a nuove relazioni e a nuovi contesti che mettano in contatto le università, i centri di ricerca, gli incubatori d’impresa, insomma contribuire a creare l’intero ecosistema che facendo ricerca genera innovazione e idee di futuro.
In questo framework si inserisce la creazione dell’Innovation Hub presso il Politecnico di Bari annunciato lo scorso ottobre dal Ceo Carlo Messina in occasione della presentazione dell’accordo con Matipay, la startup di Mola di Puglia. 

“A Bari vogliamo sviluppare un hub per l’innovazione per lavorare su settori importanti, come l’aerospaziale, l’automotive, la filiera alimentare... creando un ambito in cui possano anche venire i giovani e le startup .....”.
Carlo Messina – CEO Intesa Sanpaolo

 

“Sarà un facilitatore di azione con il mondo produttivo, punto di raccordo tra realtà produttive e i nostri studenti, per trasformare l’innovazione in un valore...”
Francesco Cupertino – Rettore Politecnico di Bari

L’Innovation Hub sarà un’agorà in cui studenti, docenti, ricercatori, università, startupper, imprenditori, decisori pubblici  e banca collaboreranno per sviluppare idee e modelli di business innovativi concreti e sostenibili.
Sarà un incubatore che metterà a sistema competenze, idee e progetti per favorire lo sviluppo di ecosistemi di innovazione e per supportare le sfide strategiche di quanti mettono in gioco le competenze personali e quelle delle loro organizzazioni per dare vita a progetti innovativi.
Sarà un laboratorio che saprà utilizzare la cooperazione tra la ricerca accademica, il network della banca e le persone per ricercare strumenti e metodologie capaci di valutare nuovi asset, nuovi modelli e nuove aziende in termini di competi­tività, impatto socio-ambientale, sostenibilità finanziaria e capacità di crescere sui mercati nazionali ed internazionali.
Si sosterrà su 5 pilastri:  matching, scouting, (la ricerca di giovani talenti nell’ateneo), la finanza a sostegno dell'innovazione, l'internazionalizzazione e la formazione.

La scelta di Bari e del suo Politecnico non è casuale: negli ultimi anni la Puglia ha saputo scommettere sul futuro e il PoliBA è un ateneo molto attivo nell’ambito dell’innovazione. Abbiamo voluto essere al fianco di chi guarda avanti con fiducia e costruisce il futuro, auspicando che le nuove aziende siano esempio e motore di crescita anche per  le imprese e i territori vicini. 

“...per il 2020 stiamo preparando un progetto di Open Innovation che coinvolgerà le principali aziende dei settori moda e design del Mezzogiorno. Appena possibile, nell’Innovation Hub di Bari si terranno workshop, eventi e progetti legati al Piano Impresa 4.0 e ai principi della circular economy...”
Giuseppe Nargi – Direttore Regionale Campania, Basilicata, Calabria e Puglia 

Un analogo Innovation Hub è nato nel 2017 presso il campus di San Giovanni a Teduccio in accordo con l’Università Federico II di Napoli. Anche qui negli anni, il trasferimento tecnologico si è concretizzato tramite eventi e workshop tematici su Industria 4.0 e Circular Economy organizzati con il coinvolgimento di  Innovation Center, della Direzione Regionale e di docenti dell’Ateneo napoletano.

Noi pensiamo che la crescita e lo sviluppo sostenibile siano fortemente accelerate dall’inclusione dei giovani nel mondo del lavoro. Auspichiamo di vedere sempre più nuove imprese guidate con coraggio e competenza da giovani imprenditori.
Queste sono le leve del futuro con cui desideriamo rimettere in moto il nostro Paese, affinché la crescita sostenibile e inclusiva diventi una realtà distintiva.

                                                                                                                                       maggio 2020

Intesa Sanpaolo per l'educazione

Ecco alcune iniziative che sosteniamo per diffondere l'educazione e la conoscenza, garantire il diritto allo studio e sostenere la ricerca e le imprese del Paese

{"toolbar":[]}