{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Innovazione

Realtà virtuale e memorizzazione: nuovi spunti dalle neuroscienze

La realtà virtuale, VR, si sta sempre più sviluppando come tecnologia in grado di rivoluzionare le opportunità nel campo dell’apprendimento. Il Neuroscience Lab di Intesa Sanpaolo Innovation Center ha sviluppato alcuni progetti di ricerca applicata per valutare gli impatti di tale tecnologia sulla facilitazione all'apprendimento, la ritenzione di informazioni e l'aumento dell'empatia da un punto di vista neuroscientifico.


La ricerca, realizzata in collaborazione con il partner scientifico Scuola IMT Alti Studi Lucca e con il supporto delle strutture che si occupano della formazione dei colleghi del Gruppo (Direzione Centrale Politiche di Sviluppo e Learning Academy di Intesa Sanpaolo), aveva come obiettivo analizzare l’applicazione della realtà virtuale alla tecnica di memorizzazione detta ‘Metodo dei Loci’. Questo metodo, noto fin dal tempo degli antichi rètori greci e romani, consiste nell’associare gli elementi da ricordare - ad es. numeri, oggetti, concetti - a luoghi fisici come ad esempio i negozi di una strada o i luoghi di in una stanza. Per riportare alla memoria gli elementi memorizzati si ripercorre mentalmente lo spazio scelto soffermandosi nei diversi ‘loci’ (luoghi) permettendo a questi ultimi di attivare il ricordo.

Le applicazioni della realtà virtuale nel "Metodo dei Loci"

Per condurre la sperimentazione sono stati coinvolti i colleghi della Filiale Online di Intesa Sanpaolo che hanno partecipato come campione volontario

La ricerca ha dimostrato che una tecnica come il Metodo dei Loci, effettuata in uno spazio virtuale immersivo, accresce la capacità di imparare e ricordare sfruttando il senso globale della posizione e del movimento di una persona: essere immersi con tutti i sensi in un ambiente simulato permette una più efficace memorizzazione di nuovi contenuti.

La realtà virtuale ha avuto quindi il ruolo di incrementare l’efficacia del metodo.

Utilizzare la realtà virtuale durante la formazione permette di aggiungere al classico ‘training’ un’esperienza immersiva che fa leva su aspetti percettivi, cognitivi ed emotivi e facilita la memorizzazione di informazioni.

Un approfondimento è disponibile sul paper scientifico di riferimento in lingua inlgese. 

Potrebbe interessarti anche

Ecco alcune iniziative che sosteniamo per promuovere la cultura dell'innovazione e supportare nuove forme di economia nel Paese

{"toolbar":[]}