{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD","clientIDSh":"9e04155b-dc20-4ad8-b40b-5d4c665631f2","signatureSh":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryptionSh":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyIDSh":"72a8b4f5-7fbb-427b-9006-4baf6afba018","userSh":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Sociale

Asili Nido per Bambini Lungodegenti

Intesa Sanpaolo Asili Nido per Bambini Lungodegenti
Intesa Sanpaolo Asili Nido per Bambini Lungodegenti

Come nasce l'idea

Ci sono storie che all’improvviso costringono a uno sguardo diverso: ad esempio quello di Giulia, che ha amplificato l’attenzione di Intesa Sanpaolo al mondo dell’infanzia. Il Programma Intesa Sanpaolo per Bambini Lungodegenti nasce così, dalla storia di una piccola bambina e dall’ascolto dei bisogni della sua famiglia, toccata - come tante altre - dall’esperienza traumatica di una malattia importante che sconvolge i primi anni di vita del bambino e incide pesantemente sullo sviluppo delle sue capacità cognitive, relazionali ed emozionali.

Giulia era stata ricoverata dalla nascita in Ospedale e non aveva mai potuto frequentare il nostro asilo nido aziendale.

La sua famiglia un giorno si è rivolta alla Banca ponendo una domanda coraggiosa, una domanda che ha fatto scoccare la scintilla: come possiamo assicurare a Giulia il percorso educativo dell’asilo nido anche in ospedale? Come possiamo consentirle di mantenere la sua condizione di bambina e il suo diritto al gioco e a una crescita motivata, pur nel difficile percorso della malattia? E come possiamo fare questo per altri bimbi nelle stesse condizioni?

La risposta: il progetto

La risposta è racchiusa in questo progetto il cui obiettivo è aiutare i bambini dai 0 ai 36 mesi a superare i fattori di rischio causati dallo stress traumatico al quale sono sottoposti durante la permanenza in ospedale, attraverso un tempo dedicato a loro, con proposte di attività personalizzate, mirate allo sviluppo cognitivo comportamentale e agli affetti, ma soprattutto mirate a farli sentire semplicemente bambini e non ammalati. La voglia di sorridere, parlare, ascoltare storie, di camminare, disegnare, manipolare e creare, di cantare una canzone e battere le mani, di pronunciare qualche parola in più, di esprimersi. Basta poco per alleviare il dolore e il contesto ospedaliero: quando si gioca si entra in un mondo diverso dove ci sono solo leggerezza, esperienza e divertimento con altri bambini.

Dal 2016 ad oggi sono stati aperti 7 asili nido in altrettanti istituti di eccellenza del territorio italiano quali l’Ospedale Infantile Regina Margherita a Torino, l'A.O.R.N. Santobono Pausilipon di Napoli, l’Ospedale San Gerardo di Monza, l’Azienda Ospedale - Università di Padova, IRCCS Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico di S. Orsola, l’Istituto Giannina Gaslini di Genova, il Policlinico di Bari Ospedale Giovanni XXIII.

Questo progetto è realizzato in coerenza con i Sustainable Development Goals fissati dall'Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Per maggiori dettagli consulta la sezione Sostenibilità.

Intesa Sanpaolo per il sociale

Ecco alcune delle nostre iniziative

{"toolbar":[]}