{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD","clientIDSh":"9e04155b-dc20-4ad8-b40b-5d4c665631f2","signatureSh":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryptionSh":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyIDSh":"72a8b4f5-7fbb-427b-9006-4baf6afba018","userSh":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Sostenibilità

Jovanotti, Intesa Sanpaolo e WWF per la tutela dell’ambiente

Jovanotti, Intesa Sanpaolo e WWF insieme per salvaguardare l’ambiente: così i Jova Beach Party diventano un’occasione di partecipazione alla pulizia delle spiagge e di formazione.

Il tour estivo di Jovanotti diventa occasione di pulizia delle spiagge e tutela del territorio, oltre che di formazione ambientale per i giovani. Con la collaborazione di Intesa Sanpaolo e WWF infatti i 12 Jova Beach Party, che si terranno lungo la penisola dal 2 luglio al 10 settembre, diventeranno anche l’anima del progetto RI-PARTY-AMO, un’iniziativa che coinvolgerà giovani, scuole, famiglie, aziende e intere comunità a difesa e salvaguardia del territorio. Il progetto, che chiunque potrà sostenere attraverso ForFunding, la piattaforma di crowdfunding di Intesa Sanpaolo, prevede un programma di azioni articolato in pulizia delle spiagge, interventi infrastrutturali per tutelare habitat naturali quali zone umide, fiumi e laghi, e infine attività di educazione nelle università e nelle scuole per coinvolgere i più giovani.

Gli incontri con gli studenti

Nell’ambito degli incontri con gli studenti universitari, martedì 3 maggio Lorenzo Jovanotti ha incontrato gli studenti dell'Università degli Studi di Milano Bicocca e, insieme a Intesa Sanpaolo e WWF, ha presentato il progetto RI-PARTY-AMO. 

Ripulire spiagge e fondali dalla plastica: 24 eventi a partire da settembre

L’iniziativa ha preso il via il 18 settembre con una prima grande mobilitazione che si è posta l’obiettivo di ripulire dalla plastica più di 1,25 milioni di metri quadrati di spiagge e fondali e il 25 settembre 2022 (in occasione della giornata mondiale dei fiumi) dove è avvenuta la pulizia di circa 600 mila metri quadri di sponde fluviali. Per un intero anno, poi, sarà possibile partecipare alle Giornate di pulizia in giro per l’Italia che prevedono 24 grandi mobilitazioni e oltre 2.000 attività di pulizia con l’obiettivo di ripulire 20 milioni di metri quadrati di spiagge, coinvolgendo più di 10 mila volontari affiancati da famiglie, scuole e giovani da tutta Italia negli eventi principali, ma anche in più di 100 piccoli eventi locali.

Guarda il video con la mappa delle città coinvolte.

La tutela degli habitat del Mediterraneo e delle sue specie viventi

Nel Mediterraneo vengono riversate circa 230 mila tonnellate di plastica ogni anno: l’equivalente del contenuto di 500 container scaricati in acqua ogni giorno. E così nel Tirreno si registra la più alta concentrazione di microplastiche mai misurata nelle profondità di un ambiente marino: 1,9 milioni di frammenti per metro quadrato. Sono oltre 100 le specie animali che vivono nel Mediterraneo che hanno ingerito plastica. Sulle coste la situazione non è migliore: in Italia un terzo risulta contaminato da rifiuti plastici e di altro tipo.
Oltre a spiagge e litorali, l’attività di ripristino interesserà anche sponde dei fiumi, laghi e aree naturali nelle zone distanti dal mare. Il 41% dei fiumi monitorati non è in uno stato di conservazione adeguato e l’80% dei laghi non presenta un buono stato ecologico. Per tutelare le aree a rischio e salvaguardare questi ecosistemi, è necessario ridurre l’impatto delle attività umane. Tra gli interventi previsti, la realizzazione di barriere frangivento per riparare le dune e permettere la creazione di nuovi depositi; la piantumazione di vegetazione autoctona, per compattare la duna e favorire la creazione di nuove aree dedicate alle specie animali e anfibie; passerelle per evitare il calpestio e picchetti per impedire il parcheggio.
 

Formazione e borse di studio per i giovani

Ci sarà infine un’importante attività di formazione per i giovani, grazie al coinvolgimento delle scuole e di autorevoli atenei italiani, con 8 incontri nelle università organizzati da Intesa Sanpaolo e WWF Italia, in cui verrà presentato il progetto e la partecipazione al Jova Beach Party. 4.000 giovani e studenti saranno coinvolti in workshop sulle tematiche ambientali, mentre saranno attivate 20 borse di studio per il corso online “Il Manager della Biodiversità” per l’anno accademico 2022/2023, promosso dall’Istituto Europeo per l’Innovazione e la Sostenibilità (EIIS). Inoltre sarà finanziato il programma didattico RI-PARTY-AMO per le scuole elementari e medie in tutta Italia, con il coinvolgimento di 4.000 classi.

Chiunque potrà inoltre sostenere questo importante progetto facendo la propria donazione attraverso ForFunding, la piattaforma di crowdfunding di Intesa Sanpaolo.

Potrebbe interessarti anche

{"toolbar":[]}