{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Cultura

Torinodanza Festival 2019

Immagine evento

Dall’11 settembre al 26 ottobre si svolgerà la diciassettesima edizione di Torinodanza Festival, la più importante rassegna di danza contemporanea di respiro internazionale. 

Il Festival, realizzato dal Teatro Stabile di Torino, per il secondo anno sotto la direzione artistica di Anna Cremonini, proporrà un fitto palinsesto di eventi proseguendo la sua esplorazione del mondo attraverso le visioni e le sensibilità degli artisti e toccando punti fondamentali come l’attenzione verso l’altro, l’incontro con culture diverse e la tensione verso nuove forme di spiritualità.

Nei quasi 2 mesi di programmazione andranno in scena 19 titoli per 36 rappresentazioni in 9 diversi luoghi di spettacolo, con 7 prime nazionali e 2 coproduzioni internazionali. Sono 11 paesi coinvolti (Argentina, Belgio, Brasile, Cina, Francia, Inghilterra, Irlanda, Italia, Israele, Scozia, Spagna) con oltre 200 artisti, operatori, tecnici da tutto il mondo.

Ad inaugurare il Festival, mercoledì 11 settembre al Teatro Regio di Torino, a partire dalle ore 21.00, SUTRA, spettacolo considerato un cult del nuovo Millennio, creato da Sidi Larbi Cherkaoui con i Monaci del Tempio cinese Shaolin e la collaborazione dello scultore Antony Gormley.

Tra i principali appuntamenti: ANATOMIA, lo spettacolo nato dall’incontro tra due corpi uno biologico, quello di Simona Bertozzi e l’altro sonoro, quello di Francesco Giomi, XENOS con Akram Khan, uno spettacolo dalle forti implicazioni storiche e politiche legate a fatti oscuri avvenuti durante la Prima Guerra Mondiale, INOAH in cui Bruno Beltrão e il suo Grupo de Rua, porteranno sul palcoscenico la danza di strada, l’hip hop e la break in cui il corpo diventa forma di lotta e riflessione politica sulle differenze del mondo e KAMUYOT creato da Ohad Naharin, una performance interattiva in cui lo spazio scenico diventa una piazza con il pubblico seduto sui quattro lati, rompendo le tradizionali barriere tra scena e platea.

{"toolbar":[]}