{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD","clientIDSh":"9e04155b-dc20-4ad8-b40b-5d4c665631f2","signatureSh":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryptionSh":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyIDSh":"72a8b4f5-7fbb-427b-9006-4baf6afba018","userSh":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Cultura

Gregory Crewdson alle Gallerie d'Italia di Torino con "Eveningside"

Gregory Crewdson
Gregory Crewdson

Dal 12 ottobre sino al 22 gennaio 2023 l’arte fotografica del maestro statunitense Gregory Crewdson è ammirabile in tutta la sua sconcertante forza espressiva alle Gallerie d’Italia di Torino, che la celebra con una mostra dal titolo “Gregory Crewdson. Eveningside” .

Un evento unico in anteprima internazionale a Torino, e per la prima volta in un museo, il terzo capitolo della sua trilogia commissionata per l’occasione da Intesa Sanpaolo.
La mostra “Gregory Crewdson. Eveningside”, curata da Jean-Charles Vergne, riunisce per la prima volta le tre serie del fotografo concepite tra il 2012 e il 2022, una trilogia che offre una prospettiva inedita su un decennio di creazione.

Le 90 opere esposte rivelano il versante intimo dell’universo che ha fatto di Crewdson una delle figure fondamentali della fotografia. Messi in scena facendo ricorso ai mezzi propri del cinema, i suoi scatti legano insieme i frammenti di un mondo crepuscolare ispirandosi ad alcune immagini cinematografiche radicate nella memoria collettiva e nella cultura letteraria americana. Come nel migliore dei set cinematografici, la meticolosa, a tratti ossessiva, disposizione scenografica e di luci di ogni creazione di Crewdson, quasi sempre completata da una decisiva fase di post-produzione, restituisce allo sguardo dello spettatore la verità impronunciabile di posture condannate all’oblio e oggetti ormai dimenticati che ritornano a darci memoria e inquietudine.

Eveningside è il terzo ed ultimo nucleo della trilogia di Crewdson iniziata con Cathedral of the Pines (2013-2014) e An Eclipse of Moths (2018-2019). La serie inedita Eveningside esplora figure umane isolate entro i confini della loro vita quotidiana, dove l'atmosfera richiama il cinema noir classico e la tradizione del bianco e nero in fotografia.

 

 

Gregory Crewdson. Eveningside

Il fotografo Crewdson e la sua mostra alle Gallerie d’Italia di Torino

13:27

Le opere esposte raccontano la dimensione onirica e la tensione emotiva e inafferrabile presente sotto la superfice omologata e immobile della quotidianità suburbana d’America.
L’impatto di una vera e propria esperienza visiva con l’arte di Crewdson viene sollecitato anche dall’ accostamento tra gli scatti della trilogia e la proposta di una serie di foto concepite nel 1996 agli albori del suo percorso professionale. Immagini prive di ogni messa in scena, realizzate con due macchine fotografiche su pellicola analogica in bianco e nero,  che a partire dal titolo Fireflies (Lucciole) raccontano l’amore-stupore dell’autore verso il sorgere mattutino della natura intorno a sé, ancora incontaminata dal pensiero ordinario di ogni speculazione intellettuale.

Nella sala multimediale adiacente alla mostra viene proiettato Making Eveningside, un video dietro le quinte con musiche originali di James Murphy degli LCD Soundsystem, e Stuart Bogie, polistrumentista-compositore americano.

Gli incontri “#INSIDE”, prevedono un palinsesto di appuntamenti per approfondire insieme ad autori, curatori ed esperti le tematiche centrali delle esposizioni ospitate dalle Gallerie d’Italia di Torino. In occasione delle giornate di apertura serale del museo, tutti i mercoledì alle 18:30, con ingresso gratuito, fino ad esaurimento posti.

Potrebbe interessarti anche

Ecco alcune iniziative per la valorizzazione dei patrimoni d'arte, di storia e di cultura della banca e del Paese

{"toolbar":[]}