{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD","clientIDSh":"9e04155b-dc20-4ad8-b40b-5d4c665631f2","signatureSh":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryptionSh":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyIDSh":"72a8b4f5-7fbb-427b-9006-4baf6afba018","userSh":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Cultura

Lisetta Carmi. Suonare Forte

Dal 22 settembre sino al 22 gennaio 2023 le Gallerie d’Italia - Torino ospitano la mostra “Lisetta Carmi. Suonare Forte”, la prima di una serie dedicata alla fotografia italiana del Novecento. 

Con il progetto “La Grande Fotografia Italiana” affidato all’editore, curatore e fotografo Roberto Koch, le Gallerie d’Italia – Torino si propongono infatti di rendere omaggio e dare visibilità ai grandi maestri della fotografia italiana del Novecento.

La mostra Lisetta Carmi. Suonare Forte” inaugura il primo di questi appuntamenti con un intenso omaggio ad un’artista della fotografia a tutto tondo di rara integrità e originalità, che ha saputo realizzare vere e proprie opere capaci ancora oggi di sorprendere e fare vibrare le corde più autentiche dell’animo umano. Un viaggio non solo artistico, alla scoperta di territori inesplorati, partecipazioni collettive ricche d’idee rivoluzionarie e d’idealità, scene di vita quotidiana e intensi attimi di verità capaci di restituirci la storia più profonda di un secolo, il Novecento.

Una donna, Lisetta Carmi (1924-2022), guidata da quell’urgenza espressiva che la portava spesso a divenire un tutt’uno con il proprio strumento di lavoro per offrire immagini vive, audaci, talvolta esasperatamente crude ma meravigliosamente pulsanti di umanità.

Gli oltre 150 scatti in mostra sono suddivisi in otto sezioni, che coprono il periodo degli anni Sessanta e Settanta, e grazie a moderne tecnologie di diffusione sonora sono accostati a brani musicali di Luigi Nono e Luigi Dallapiccola. Nel percorso espositivo, inoltre, sarà la stessa fotografa a raccontare alcuni suoi lavori attraverso dei brevi video.

La mostra si avvale della curatela di Giovanni Battista Martini, storico dell’arte e curatore dell'archivio della fotografa, e propone anche un prezioso contributo video realizzato per l’occasione dalla regista Alice Rohrwacher.

Potrebbe interessarti anche

Ecco alcune iniziative per la valorizzazione dei patrimoni d'arte, di storia e di cultura della banca e del Paese

{"toolbar":[]}