{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD","clientIDSh":"9e04155b-dc20-4ad8-b40b-5d4c665631f2","signatureSh":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryptionSh":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyIDSh":"72a8b4f5-7fbb-427b-9006-4baf6afba018","userSh":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Sociale

Pharma Links: reti solidali contro la povertà sanitaria

Intesa Sanpaolo e Banco Farmaceutico insieme per generare inclusione sociale attraverso il recupero e la distribuzione di farmaci validi.

Il progetto Pharma links: reti solidali contro la povertà sanitaria nasce nel 2018 dalla partnership tra Intesa Sanpaolo e Fondazione Banco Farmaceutico con l’obiettivo di contrastare la povertà sanitaria e il bisogno di farmaci che riguardano una fascia crescente di persone e famiglie in stato di necessità.

Grazie a questa iniziativa, Intesa Sanpaolo contribuisce a istituire e sviluppare, in numerose aree del Paese, reti della Fondazione Banco Farmaceutico, che si occupa del Recupero Farmaci Validi non scaduti per trasformarli in un bene prezioso per chi non può accedere alle cure per ragioni economiche.

L’iniziativa richiede la collaborazione tra numerosi attori locali quali pubbliche amministrazioni, istituzioni, associazioni di categoria, organizzazioni non profit, farmacie e volontari. Si tratta di una vera e propria azione di sistema del territorio che nel tempo diventa una buona prassi consolidata e condivisa da tutta la cittadinanza.

La partnership tra Intesa Sanpaolo e Banco Farmaceutico ha consentito, in cinque anni, di inaugurare 13 nuove sedi di raccolta, con circa 349mila farmaci distribuiti, 87 enti beneficiari supportati e oltre 203mila persone in stato di bisogno assistite.

Il progetto Pharma links: reti solidali contro la povertà sanitaria è stato al centro di un evento il 16 dicembre 2022 a Vicenza. Durante l’incontro, che ha visto la partecipazione, tra gli altri, di Elisa Zambito Marsala, Responsabile Valorizzazione del Sociale e Relazioni con le Università di Intesa Sanpaolo, e di Sergio Daniotti, Presidente della Fondazione Banco Farmaceutico, è stato illustrato il progetto, il suo modello e i valori promossi, i risultati raggiunti e le prospettive di intervento future, con l’obiettivo di contrastare la crescente povertà sanitaria nel nostro Paese.

Gli interventi a seguito dell'emergenza sanitaria

A seguito dell’emergenza sanitaria da Covid-19, la Banca e Fondazione Banco Farmaceutico hanno promosso nel 2020 due ulteriori iniziative congiunte:

- il progetto Un aiuto agli enti assistenziali durante l’emergenza Covid-19, finalizzato all’approvvigionamento e alla distribuzione di DPI agli enti caritatevoli per garantire la continuità della loro attività a favore delle persone in stato di bisogno durante la pandemia;

- l’intervento programmatico Contrasto della povertà sanitaria: dalla gestione emergenza Covid-19 al rafforzamento delle capacità degli enti assistenziali, un progetto di medio lungo periodo finalizzato a rendere più efficiente, attraverso l’implementazione di BFOnline, piattaforma gestionale del Banco, il ciclo di domanda, raccolta e distribuzione di farmaci nella fase pandemica e - a tendere - nella gestione ordinaria del processo.

Un modello efficace per sostenere chi ha bisogno

Nell’ambito del programma di contrasto alla povertà di Intesa Sanpaolo, la partnership di lungo periodo con Fondazione Banco Farmaceutico consente di diffondere in tutto il Paese un modello di generatività sociale particolarmente efficace che coniuga la lotta allo spreco, il sostegno ai bisognosi e l’assistenza sanitaria.

Questo progetto è realizzato in coerenza con i seguenti obiettivi SDGs dell'ONU:

iconesdg

Per maggiori dettagli consulta la sezione Sostenibilità.

Intesa Sanpaolo per il sociale

Ecco alcune delle nostre iniziative

{"toolbar":[]}