{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}
Sociale

I progetti sociali de "L'Italia che fa"

In onda su Rai 2: il programma che vuole raccontare storie e progetti di chi si impegna per gli altri.

Fare banca vuol dire fare cose utili e importanti anche per tante persone che in banca entrano raramente. Vuol dire promuovere iniziative a favore di chi resta indietro, di chi è stato meno fortunato, di territori che vivono situazioni difficili. Ed è proprio per essere vicini all’Italia che si impegna in queste attività che scegliamo di essere main sponsor del programma televisivo “L’Italia che fa”.

In onda su Rai 2 dal lunedì al venerdì alle 16.10, con la conduzione di Veronica Maya, il programma vuole infatti raccontare storie e progetti di chi si impegna per gli altri, persone e istituzioni, aziende e organizzazioni del terzo settore, tutti accomunati dalla volontà di partecipare al rilancio solidale del nostro Paese. “L’Italia che fa” ha già dato voce a chi si impegna nella riqualificazione delle periferie, nel reinserimento lavorativo di minori detenuti, dell’accoglienza e inclusione sociale di minori stranieri non accompagnati, dei centri antiviolenza, delle famiglie di bambini ospedalizzati e di molto altro ancora.

Nelle varie puntate della trasmissione trovano spazio anche le iniziative in ambito sociale, sanitario e di impact banking supportate direttamente da Intesa Sanpaolo. Nel primo intervento, il 22 giugno, in onda Elena Jacobs, responsabile della struttura Valorizzazione del Sociale e Relazioni con le Università, per presentare la collaborazione della nostra banca con il Banco Farmaceutico nel progetto Recupero Farmaci Validi. L’iniziativa vuole far fronte alla povertà sanitaria e al bisogno di farmaci, che tocca una fascia crescente di persone. Un programma di contrasto alla povertà che coniuga la lotta allo spreco, il sostegno ai bisognosi e l’assistenza sanitaria.

Il 29 giugno invece è la volta di Andrea Lecce, responsabile della Direzione Sales & Marketing Privati e Aziende Retail, in collegamento dal grattacielo, nostra sede a Torino, per illustrare la piattaforma di crowdfunding For Funding, al servizio delle organizzazioni non profit. La piattaforma è stata creata nel 2017 proprio per sostenere il Terzo settore e incentivare la cultura della solidarietà e consente di avviare una raccolta fondi online coinvolgendo un’ampia comunità di donatori. In questo modo persone, aziende ed enti possono effettuare donazioni su specifici progetti. Alla fine dello scorso anno già 149 selezionate organizzazioni non governative, associazioni non profit e fondazioni  hanno beneficiato delle donazioni raccolte per 166 progetti attraverso la piattaforma For Funding. Una piattaforma - accessibile in sicurezza e assolutamente gratuita, senza alcuna commissione – che dal 2019 consente di gestire anche il Prestito di Comunità, una modalità alternativa per sostenere progetti sociali coinvolgendo comunità e territori.

Il 2 luglio è ancora coinvolta Elena Jacobs, questa volta per raccontare il progetto Golden Links: i legami sono oro con cui Intesa Sanpaolo ha dato un contributo determinante alla distribuzione di 114.000 capi di abbigliamento e scarpe donate da aziende del settore. Un’idea che nasce dall’evidenza di un numero purtroppo sempre più alto di persone che hanno bisogno di aiuto a fronte di eccedenze di magazzino e capi di vestiario nuovi mai immessi sul mercato. Così Intesa Sanpaolo ha creato un contatto tra alcuni suoi grandi clienti – aziende come Calzedonia spa, Scarpe & Scarpe spa, Camomilla Italia, Primadonna spa – e operatori del sociale come Caritas Italiana e il Comitato Promotore S-Nodi Gabriele Nigro. Assieme hanno scritto una bellissima pagina di economia di Valore, con il contributo determinante di donne emarginate e detenuti, persone in difficoltà che hanno confezionato i kit da distribuire ad altri bisognosi. Anche durante il periodo di emergenza legata al Covid-19, la solidarietà ha trovato forma attraverso l’iniziativa di distribuzione di indumenti di ricambio ai ricoverati in diverse strutture ospedaliere delle zone di Bergamo, Brescia, Cremona e Padova, che non hanno potuto ricevere il cambio necessario dalle loro famiglie.

Gli appuntamenti della nostra banca con “L’Italia che fa” non finiscono qui. Giovanna Paladino, responsabile della segreteria tecnica di Presidenza, ospite il 6 e l’8 luglio, con due interventi del Fondo di Beneficenza:  il primo dedicato alla prevenzione della violenza sulle donne, con il nostro sostegno al progetto S.V.E.L.A. di Arcidonna. Interventi di assistenza legale, psicologica e di orientamento al lavoro vengono offerti a donne vittime di violenza maschile. Il secondo intervento  affronta invece il tema della dispersione scolastica.

Il 13 luglio è la volta di Marco Morganti, responsabile della Direzione Impact, che affronta il tema dell’educazione e del diritto allo studio. Con il progetto Fund for Impact, vogliamo intervenire concretamente per offrire l’opportunità ai giovani meritevoli di avere pari diritti ad un percorso di studi, base per un futuro di crescita professionale.

Il 16 luglio l'ospite è Paolo Bonassi, responsabile della Direzione Strategic Support, per descrivere come il nostro impegno al fianco del Paese si sia realizzato in azioni concrete anche durante il periodo della pandemia. Innanzitutto con importanti donazioni a sostegno del sistema sanitario nazionale e la collaborazione con la Protezione Civile per definire come allocare efficacemente le risorse.  Le iniziative che abbiamo realizzato sono inoltre rivolte agli operatori sanitari, medici e infermieri, che si sono impegnati in prima linea per affrontare e gestire l’emergenza Covid-19. Abbiamo riconosciuto l’importanza di sostenere, attraverso uno specifico corso professionale, promosso dalla fondazione no profit Generation Italy, una formazione adeguata che garantisse loro le migliori condizioni di preparazione per affrontare un compito così importante, in un periodo così delicato per il Paese. 

Paolo Bonassi

Il 20 e 27 luglio è ancora ospite Marco Morganti per raccontare come il nostro impegno per il mondo del Terzo Settore si sia evoluto nel tempo: con Terzo Valore abbiamo dato vita ad un progetto che permette alle persone di finanziare iniziative non profit in modo diretto.

Anche il mondo della cultura e dello spettacolo ci sta a cuore. In particolare in questo periodo di difficoltà per questo settore e per coloro che vi lavorano, abbiamo voluto essere presenti con iniziative di sostegno, per il rilancio del settore cultura. Morganti descrive l'avvio di una nostra collaborazione con Federculture, Agis, Forum del Terzo Settore e Alleanza delle cooperative. L’obiettivo è quello di scrivere insieme le regole del settore cultura e spettacolo dal vivo nella sua forma del domani. Vogliamo fornire un sostegno concreto, strumenti di innovazionesostenibilità e supporto anche alla crescita e valorizzazione delle realtà territoriali, come ad esempio le Pro Loco dislocate in Italia, patrimonio del nostro Paese.

L’ultimo incontro il 30 luglio, in cui Marco Morganti tocca un tema che interessa molte donne: quello del delicato equilibrio tra vita familiare e professionale. Racconterà di Mamma@work, il Prestito Impact ideato a sostegno delle mamme che lavorano.

Durante l’estate “L’Italia che fa”  ci ha guidato in un viaggio alla scoperta di tante realtà locali del nostro Paese, quotidianamente impegnate nella concreta realizzazione di progetti solidali che danno fiducia e slancio alle comunità e ai territori di riferimento. 

Tutte le puntate della trasmissione possono essere riviste su Raiplay.

Collage ospiti Intesa Sanpaolo

L'impegno di Intesa Sanpaolo in ambito sociale

Scopri le iniziative che sosteniamo a favore dei bisogni dei territori e delle persone, per offrire pari diritti, benessere, dignità’. 

{"toolbar":[]}