{"clientID":"8f0f2457-784e-48e4-98d6-0415047ebc97","signature":"1b7d588a5acbce37f866186501ec2d14f26b16f94bbb11b0017b314f918129da","encryption":"d00eb0e03501a6b3d0ffac2db4d56565","keyID":"494d1aae-e754-42bc-1137-9a9628244ec6","user":"C1AAFC8C323DFDA567B3CD7D0E48C3DD"}

Integrità nella condotta aziendale

Intesa Sanpaolo riconosce che l’osservanza delle normative e dei codici di condotta, interni ed esterni, ricopre un significativo rilievo, anche dal punto di vista strategico e, pertanto, agisce nella convinzione che il rispetto delle regole e la correttezza negli affari costituiscano elementi fondamentali nello svolgimento delle proprie attività, che per loro natura sono fondate sulla fiducia e la trasparenza. 

Lotta alla corruzione e contrasto al riciclaggio

Intesa Sanpaolo ha definito le Linee Guida Anticorruzione di Gruppo, approvate dal CdA, e il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato ai sensi del D.Lgs. 231/2001 che, insieme al Codice Etico definiscono l’impegno a rispettare le disposizioni normative volte a contrastare la corruzione attiva e passiva in ogni sua forma.  Viene posta particolare attenzione al rispetto della normativa nazionale e internazionale in materia di riciclaggio e finanziamento del terrorismo anche attraverso processi e procedure inerenti gli obblighi di adeguata verifica della clientela, segnalazione delle operazioni sospette e valutazione e gestione del rischio.
Nel 2018 sono state erogate 323.242 ore di formazioni su queste tematiche, coinvolgendo 66.320 persone. Inoltre non si sono riscontrati licenziamenti per corruzione nè sanzioni disciplinari per corruzione verso i collaboratori.

Tutela della libera concorrenza

Intesa Sanpaolo presidia e promuove costantemente la libera concorrenza e diffonde la cultura di compliance alla normativa antitrust anche tramite la costituzione di uno specifico team interno volto a vigilare sul rispetto delle norme antitrust, l’adozione di una Policy e un programma di formazione e informazione. Nel 2018 sono state erogate 72.938 ore di formazione sul tema della normativa antitrust e sono stati formati 47.976 collaboratori.

Rispetto della privacy e tutela del consumatore

La banca è impegnata nell’attuazione degli interventi normativi, organizzativi e tecnologici atti a rispondere adeguatamente alle esigenze di tutela della privacy anche in virtù del nuovo General Data Protection Regulation - GDPR. Questi interventi, coordinati dal Data Protection Officer, rispondono ai principi del Codice Etico di Gruppo che impegnano la Banca nell’adozione di criteri di assoluta trasparenza nell’informare i clienti e collaboratori sui loro diritti in materia e sulle modalità con cui vengono trattate le loro informazioni personali. Nel 2018 sono state erogate 43.501 ore di formazione sul tema privacy - coinvolgendo 51.896 collaboratori - e 1.223.201 ore di formazione sul tema della tutela del consumatore - coinvolgendo 40.041 collaboratori. 

Rispetto delle norme giuslavoristiche

Il Gruppo opera affinché il proprio ambiente di lavoro sia permeato dalla reciproca fiducia, dalla lealtà e arricchito dall’apporto di ogni persona, nel rispetto della normativa e degli accordi relativi alla contrattazione nazionale e di secondo livello (Gruppo).
Nel 2018 sono state notificate 20 cause per violazioni di norme giuslavoristiche a fronte di 35 cause chiuse e nessuna causa per mobbing.

Attività di audit

Al fine di assicurare che il proprio agire sia allineato a principi di integrità, la banca ha disegnato un sistema di controlli finalizzato a mantenere un presidio costante nell’identificazione, governo e controllo dei rischi connessi alle attività svolte e in tal senso realizza attività di audit con cadenza prefissata in relazione alla natura e all’intensità dei rischi. Nel 2018 sono state condotte attività di audit su 237 Aree di Rischio, di cui 114 segnalate come rilevanti ai fini del D. Lgs. 231/2001. Sono state inoltre svolte 20 attività di audit che hanno riguardato direttamente o indirettamente anche aspetti legati alle policy sociali ed ambientali

Il rispetto delle normative fiscali e il contributo fiscale

Il Gruppo Intesa Sanpaolo rispetta la normativa fiscale in quanto dovere di cittadinanza e nella convinzione che questo sia un contributo fondamentale verso la comunità in cui opera. L'impatto positivo di Intesa Sanpaolo in questo senso è ribadito dalla previsione resa pubblica con il Piano d’Impresa di un contributo complessivo dal 2018 al 2021 di circa 13 miliardi, importo paragonabile a una legge di stabilità.

Nel corso del 2018 Il Gruppo, oltre a imposte indirette per 915 milioni di euro, ha rilevato imposte dirette di competenza dell’esercizio per 1.659 milioni di euro, per la massima parte in Italia, dove sono stati realizzati la maggior parte dei proventi operativi netti.

Il Gruppo ha rafforzato il sistema di controllo interno del rischio fiscale, denominato Tax Control Framework, rendendolo idoneo a presidiare il rilievo strategico del rischio fiscale e a soddisfare i requisiti di accesso al regime di adempimento collaborativo introdotto in Italia ai sensi del D.Lgs 128/2015. A dicembre 2017 il Gruppo Intesa Sanpaolo si è dotato dei Principi di condotta in materia fiscale al fine di assicurare nel tempo la conformità alle regole fiscali e tributarie dei Paesi dove opera e di garantire l’integrità patrimoniale e reputazionale di tutte le Società del Gruppo. 

Sono inoltre state approvate le Linee Guida per la gestione del rischio fiscale nell’ambito del regime di adempimento collaborativo con l’Agenzia delle Entrate che disciplinano i criteri e i processi che Intesa Sanpaolo deve adottare per garantire adeguatezza ed effettività al proprio Tax Control Framework. Il presidio di conformità relativo alla normativa fiscale è attribuito al Servizio Fiscale.

Intesa Sanpaolo, in adempimento della normativa di riferimento, pubblica anche una informativa "Stato per Stato" nella quale sono indicate (secondo le regole stabilite dalla Banca d’Italia) per ciascuno Stato le seguenti informazioni: il margine di intermediazione; il numero dei dipendenti; l’utile o perdita prima delle imposte; le imposte sull’utile o sulla perdita. Il documento può essere consultato al seguente link.

{"toolbar":[{"label":"Aggiorna","url":"","key":"update-page"},{"label":"Stampa","url":"","key":"print-page"},{"label":"Richiedi bilanci","url":"/it/investor-relations/richiedi-bilanci","key":"business-budget"},{"label":"Calendario Finanziario","url":"/it/investor-relations/calendario-finanziario","key":"financial-calendar"},{"label":"Press kit","url":"/it/sala-stampa/PressKit","key":"press-kit"},{"label":"Invia CV","url":"https://www.intesasanpaolo.com/it/common/careers.html","key":"send-cv"}]}